Coaching Tip #1 Influenzare, una sforzatura?

strategie di successo
Strategie di successo al femminile?
Maggio 14, 2021

influenzare

Influenzare = meno attriti, più risultati

Come creare consenso da remoto?
Come superare i punti di frizione?

 

IL CASO

Problematica

In molti contesti, il periodo COVID suscita una necessità di adattamento ma anche di cambiamento. I nuovi progetti  trasversali  generano un misto di entusiasmo e di stress, di energia realizzatrice e di passività. Partono da una funzione per poi impattare i processi e la quotidianità di altri reparti. Spesso incontrano vari ostacoli-  in primis i freni esercitati dalle altre funzioni.

Quindi se gestisci operativamente il cambiamento ti ritrovi in una arena  interpersonale dove protezione del proprio territorio e della propria comfort zone creano un terreno propice al conflitto e a relazioni tese.

Difficoltà

Di fronte a queste barriere, alcuni/e diventano molto “pushy”, guardano principalmente ai propri obiettivi, lottano per mantenere salda la loro tabella di marcia, diventano direttivi- atteggiamenti che provocano delle rigidità… e le posizioni tendono a cristallizzarsi.

Aggiungiamoci la difficoltà odierna di leggere le sfumature comportamentali inerente a delle riunioni telefoniche o a delle videoconferenze dove la maggior parte delle video camere sono spente … e otteniamo una ricetta esplosiva! Ti suona familiare?

Opportunità

L’opportunità sta nel coinvolgere piuttosto che nello sforzare, nel dialogare piuttosto che nel contrapporsi.

influenzare

influenzare

COACHING TIP

Cerca di capire il contesto e di decodificare le sue sfumature-  per esempio, dove si trovano gli influenzatori oppure quali sfide di potere sono in gioco
Moltiplica delle videoconferenze brevi 1:1 per stabilire un dialogo personalizzato e creare degli accordi di principio.
Usa la tua empatia per identificare i bisogni dei tuoi interlocutori, le loro preoccupazioni, i limiti che stanno incontrando. Una modalità semplice: porre delle domande aperte
Crea fiducia con un duplice approccio, razionale/analitico ma anche emotivo. Come? Parlando anche delle potenziali reazioni altrui, delle emozioni presenti, delle remore sottostanti
Lascia spazio all’altro mettendoti in una posizione di reale ascolto. Un approccio? Dopo una domanda, mettiti in una posizione comoda dove neutralizzi la tua impazienza

 

6 mosse vincenti